Benvenuti a questo primo post! Questo blog vuol’essere una riflessione sulla Parola di Dio in chiave scout, un’opportunità di prendere in mano la Parola di Dio, di leggerla, di pregarla.

L’idea, a dire il vero, è in gestazione da un bel po’. Anzi, ho pensato anche a farne un podcast, da poter ascoltare piuttosto che leggere. Vabbè, un giorno mi ci metterò anche a fare quello – con la possibilità che un blog e un podcast possano essere da supporto a vicenda. L’ultimo invito di Papa Francesco che ci ripropone la Lectio Divina (Misericordia et Misera, 7) si può dire che è stato l’ultimo stimolo a farci qualcosa!

Ma perchè  “Intorno al fuoco. Leggere la Parola di Dio in spirito scout”? Da dove nasce l’idea? E che senso ha un blog/podcast del genere?

A me, la Parola di Dio affiscina. In parte per motivi professionali! Sono un sacerdote gesuita, assistente ecclesiastico scout, ma anche biblista di formazione e archeologo. Il mio pane quotidiano è il mondo biblico. Mi affiscina proprio perché la Bibbia è il grande racconto, anzi un compendio di racconti, che – anche dopo centinaia di anni, continuano a parlare in profondità alla nostra umanità, alla nostra ricerca di Dio, e del Dio che viene incontro a noi.

Spesso riduciamo la Bibbia a pochi brani, o ad un aiuto semplice alla catechesi … una ricerca – a volte disperata – del brano giusto. E per questo, spesso, la Bibbia diventa un po’ arida. Diventa acqua stagnante, perché non la lasciamo scorrere. In questa serie, vorrei andare con voi un po’ al di là. Vorrei aiutarci – perché anch’io faccio lo stesso cammino – a riscoprire la Parola di Dio come fonte viva – come l’acqua sorgente. Spero che in questa serie io possa darvi delle indicazione pratiche, non una predica, ma degli strumenti per prendere voi in mano la Bibbia.

Perché un blog/podcast? L’idea di scrivere al computer o parlare al microfono è sempre un po’ artificiale. Allora propongo un esercizio d’immaginazione: io m’immagino queste chiacchierate come dei momenti intorno al fuoco, tardi la sera … come se parlassi direttamente a degli scout, a degli capi, o forse degli R/S. Da parte vostra v’invito a riceverli come delle chiacchierata intorno al fuoco, in buona tradizione scout! In fondo, ovunque siate che le leggete o ascoltate, potete comunque immaginare di essere intorno al fuoco, sentire lo schricchiolio del fuoco, sentirne il calore, quell’odore dolce del legno che arde. Lasciatevi trasportare …

“Intorno al fuoco” … perché proposta in spirito scout. Intendiamoci bene: non credo che ci sia una spiritualità scout o una lettura scout sconnessa della grande e variegata tradizione spirituale della chiesa. E la lettura che propongo qui non è solo scout. Però tra scout possiamo intenderci meglio, perché condiviamo un linguaggio, condividiamo delle sottolineature particolari alla vita che sono più difficili da tradurre ad altri.

Allora, mi sa che c’è poco altra da aggiungere, e possiamo cominciare!  Buona strada!

Advertisements